S&P taglia il rating di Grecia e Portogallo

Decisione dell'agenzia di rating S&P di abbassare il giudizio sulla Grecia e sul Portogallo. I titoli del debito pubblico di Atene sono stati declassati a BB+ con outlook (giudizio sulle prospettive future) negativo.
Il rating BB+ significa che i titoli di Stato di Atene sono definiti junk bond, ovvero "titoli spazzatura", e sulla base delle attuali regole la Bce non può accettarli in garanzia a fronte di richieste di finanziamenti. A questo punto l'allarme sulla Grecia è davvero massimo.
Il declassamento di Lisbona ad A- da A+, deciso per le preoccupazioni sul debito, segna un grosso punto a favore della speculazione che da settimane mira a mettere in difficoltà l'euro: è di fatto l'apertura di un secondo fronte dopo quello sulla Grecia, dove le incertezze della Ue, imbrigliata nei tatticismi elettorali di Angela Merkel, hanno fatto schizzare alle stelle il rendimento dei titoli di Stato di Atene. Il bond a due anni questa sera rende il 17%.
L'euro è sceso a 1,325 contro il dollaro, da 1,338 della sera prima.


Nessun commento: