Economia dell'ambiente: test sull'educazione alla domanda e sostenibilità delle risorse idriche

In questo periodo l'acqua è al centro di un ampio dibattito in merito alla sua scarsità, al suo inquinamento ma prima di tutto alla sua privatizzazione, tema del referendum che la vedrà protagonista il prossimo giugno. Ma il problema esiste davvero? E se esiste dove si incentra?
Sono uno studente della Facoltà di Economia - Università degli studi di Roma Tor Vergata e sto raccogliendo delle statistiche in merito a questo argomento per la mia tesi di laurea in Economia dell'Ambiente. 
Fatemi sapere cosa ne pensate, compilando questo breve questionario totalmente anonimo.
L’opinione di tutti è importante, quindi rispondete numerosi e condividetelo con i vostri amici. Grazie a tutti per la disponibilità! Enrico Ferrini


Grazie alle 700 persone che hanno già compilato questo test !

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Come scrisse John Law in "Money and Trade"(parliamo del XVIII° secolo!)nel "water-diamonds paradox", poi ripreso da Adam Smith nel "Wealth of Nations":
"The value of goods is rated not as the uses they are applied to are more or less necessary but as they are in quantity in proportion to the demand of them. Water is of necessary use, yet of little value because the quantity of water is great in proportion to the demands of it. Diamonds are of less necessary use yet of great value because the demand for diamonds is great in proportion to the quantity of them"
Come sono cambiate le cose da allora eh?

m. ha detto...

la risposta alla domanda 13 deriva dall'assoluta sfiducia in una classe politica che non segue i bisogni della gente...

Ross ha detto...

ma quale privatizzazione per rendere un servizio più efficiente.diventerebbe solo l'ennesimo "magna magna"