Glossario dei termini legati agli ETF

ETF: gli Exchange Traded Funds, letteralmente dall'inglese fondi quotati sul mercato, sono dei fondi che è possibile acquistare o vendere come qualsiasi titolo azionario.

Benchmark: l'indice di mercato (azionario o obbligazionario) che viene replicato dall'ETF.

Tracking Error: la differenza tra il prezzo dell'ETF e quello del benchmark.

NAV: Net Asset Value, ossia il valore patrimoniale delle attività finanziarie detenute dal fondo, al netto dei costi. E' valorizzato su base giornaliera e riferito alla chiusura della seduta di borsa precedente.

iNAV: l'intraday NAV è il NAV calcolato in real time. Permette di conoscere il valore teorico dell'etf in ogni istante della seduta di mercato.

Market Maker (MM): si tratta del soggetto istituzionale incaricato di offrire un livello di liquidità adeguata sul book di un ETF.

Authorised Participants (AP): soggetti istituzionali ammessi al mercato primario degli etf. Favoriscono una maggiore liquidità del mercato e garantiscono, con la loro attività, la replica dell'indice di mercato sottostante.

Expense Ratio: il costo complessivo annuale dell'ETF, espresso come percentuale sul patrimonio gestito.

Spread denaro lettera: la differenza tra la migliore proposta in vendita ed in acquisto in un dato momento di borsa. E' una componente dei costi in cui si incorre investendo in ETF.
 
fonte: NORISK
 

Nessun commento: