Analisi di Borsa settimana 19/23 aprile e Previsioni

Share/Bookmark

Ci eravamo lasciati la scorsa settimana con l’indice FTSEMIB adagiato sulla parallela inferiore del canale riazista in cui si muoveva da metà marzo (vedi post). Come paventato la parallela non ha retto e l’indice ha raggiunto e perforato il livello a 22.820, in cui si configura un doppio minimo, fino a raggiungere nel durante della giornata di lunedì i 22.692 punti ed in chiusura i 22.785. Pronta la reazione il giorno successivo con un finale sul massimo di 23.271, aiutato dalle aspettative dello spin-off di Fiat.
Ma l’entusiasmo si è presto spento sotto i colpi dell’incertezza sul piano di salvataggio della Grecia (ancora lei) che hanno fatto indietreggiare l’indice fino a 23.045 mercoledì e ancor peggio giovedì a 22.616 finale e un durante che è andato a lambire i 22.500 punti (22.547). Debole reazione tecnica venerdì fino a 22.726 finale.
Fino a quando durerà l’influenza greca? Fino a quando la Merkel continuerà con questo tira e molla “te lo do, non te lo do” (l’aiuto)?. I mercati europei, e quello italiano in particolare, si stanno sgretolando; l’unica eccezione è Francoforte che sembra giovarsi della fermezza della Merkel e viaggia sui massimi da marzo 2009. L’euro intanto è ben lontano dai massimi di novembre 2009 nei confronti del dollaro.
Graficamente l’indice, dopo aver perforato all’insù la trendline discendente che passa per i massimi del 19 ottobre (24.425) e dell’8 gennaio (23.811), è riprecipitato travolgendo la suddetta trendline, la parallela inferiore del canale rialzista dove si trovava e il supporto a 45° che parte dal minimo a 20.818 punti del 25 febbraio. Ora si trova ad una manciata di punti dalla linea inclinata a 30° che potrebbe incontrare intorno ai 22.500 punti ma non è escluso che si concluda quella figura di testa e spalla ribassista, segnalata nel post dell’11 aprile, con il raggiungimento dei 22.373 punti.
Una tenuta della linea a 30° riproietterebbe l’indice a testare la trendline ribassista intorno ai 23.000 punti. Vedremo nei prossimi giorni i movimenti dell’indice all’interno del triangolo in cui si trova e soprattutto la direzione d’uscita che prenderà e che determinerà il suo futuro.
Dal canto suo il DJ prosegue l’ascesa senza sussulti, tanto che il suo grafico è diventato una retta. Fino a quando?

Nessun commento: